Suggerimenti e trucchi

Come prendere l'aconito di Djungarian per il trattamento del cancro


L'aconito dzungariano è una delle piante più velenose. Tuttavia, se usata correttamente, l'erba può essere benefica e contribuire alla cura delle malattie.

Descrizione della specie

L'aconito dzungariano, o combattente (Aconitum soongaricum), è una pianta perenne della famiglia Buttercup. Si trova anche sotto i nomi di radice di lupo, calotta cranica e zar-erba, ha un gambo lungo, nudo o pubescente. Le foglie dell'aconito dzungariano sono a forma di cuore tondo, disposte nell'ordine successivo. Sono di colore verde scuro sopra, leggermente più chiari nella parte inferiore, sezionati in diversi lobi a forma di cuneo. Il rizoma è costituito da grossi tuberi fusi insieme in una catena orizzontale come un rosario.

L'aconito dzungariano può salire fino a 2 m dal suolo

Nella seconda metà dell'estate la pianta porta infiorescenze apicali carpali, rappresentate da grandi gemme blu-violacee di forma irregolare. Entro l'autunno, porta frutti: tre foglioline secche con numerosi semi.

Dove cresce l'aconito dzungariano

Una pianta perenne è diffusa in Nord America, Cina, Europa, Nepal e Himalaya, in Russia. Seleziona più spesso le rive dei fiumi e i prati alpini, che si trovano nelle foreste miste.

La velenosità della pianta

L'aconito dzungariano è considerato una pianta molto velenosa e rappresenta un grave pericolo per la salute umana. Solo 1 g di radice perenne è sufficiente perché l'avvelenamento sia fatale. La più alta concentrazione di sostanze tossiche è presente nei tuberi della pianta, ma anche le parti macinate sono molto dannose. L'intossicazione è causata non solo dall'uso dell'aconito dzungariano all'interno, ma anche dal contatto esterno con il suo succo e dall'inalazione dell'aroma.

Il grado di tossicità dipende dal periodo dell'anno e dalla posizione della pianta perenne. Gli esemplari che crescono in prati umidi e paludi sono considerati meno tossici. I tuberi estivi non sono velenosi come i tuberi autunnali e primaverili. Allo stesso tempo, per scopi medicinali, si consiglia di raccogliere le parti sotterranee appena prima o dopo la fine della stagione di crescita.

Raccogli solo con guanti e visiera. A contatto con la pelle, la linfa della pianta provoca prurito e bruciore, quindi intorpidimento, come dopo l'esposizione ad un anestetico locale.

Attenzione! Qualsiasi aconito dzungariano, indipendentemente dal grado di tossicità maggiore o minore, rappresenta un pericolo mortale.

Composizione e valore

L'aconito dzungariano viene preso per il trattamento, sebbene sia molto velenoso, contiene anche sostanze utili. Tra i principi attivi ci sono:

  • zuccheri naturali;
  • saponine;
  • cumarine e resine;
  • amido e flavonoidi;
  • acido citrico, linoleico e palmitico;
  • pseudoaconitina e daucosterolo;
  • acido ascorbico;
  • mesoinosidolo;
  • inositolo e tannini;
  • alcaloidi atisina;
  • oligoelementi;
  • acidi stearico e benzoico.

La tossicità dell'aconito dzungariano è dovuta alla presenza di alcaloidi aconitinici nella sua composizione. Le sostanze di questo gruppo possono portare ad arresto respiratorio e paralisi cardiaca in meno di un'ora.

Non esistono antidoti specifici all'aconitina, il componente più pericoloso dell'aconito.

Proprietà curative

L'aconito velenoso Dzungarian è usato nella medicina popolare in magri dosaggi per il trattamento delle malattie. Le sue preziose proprietà vengono utilizzate:

  • con ipertensione, aritmie e angina pectoris;
  • con anemia;
  • con interruzioni ormonali e infertilità;
  • con diabete mellito;
  • con malattie dei reni e della cistifellea;
  • con bronchite, asma, tubercolosi e polmonite;
  • con disturbi nevralgici;
  • con malattie infiammatorie e lesioni delle articolazioni;
  • con psoriasi, eczema e neurodermite.

Esternamente, l'aconito dzungariano è usato nel trattamento della scabbia e dei pidocchi. La pianta ha un pronunciato effetto antiparassitario.

Ricette per decotti e tinture di aconito dzungariano

Molto spesso, una pianta velenosa viene utilizzata per preparare tinture forti. Le sostanze attive perenni si dissolvono meglio in una base alcolica. Esistono anche ricette per decotti d'acqua della pianta.

Tintura per malattie cardiache e oncologia

L'aconito dzungariano inibisce l'attività cardiaca, ma a piccole dosi può essere utile per ipertensione, aritmie e cancro. La ricetta per una tintura medicinale assomiglia a questa:

  • 10 g di fiori o semi di una pianta vengono versati con 500 ml di vodka di alta qualità;
  • in un contenitore di vetro chiuso, spostare in un luogo buio per due settimane;
  • di tanto in tanto, rimuovere il recipiente e agitare il contenuto.

Alla fine del periodo, la tintura viene filtrata attraverso una garza. Puoi portarlo dentro secondo lo schema "slide" - con un graduale accumulo e quindi una graduale diminuzione del dosaggio.

Attenzione! È consentito utilizzare la tintura di aconito dzungariano per aritmie cardiache e cancro solo dopo aver subito gli esami e con l'approvazione di un cardiologo.

La tintura di aconito viene consumata al mattino a stomaco vuoto una volta al giorno

Tintura per lo sfregamento

L'agente per uso esterno viene preparato secondo la ricetta classica, ma il volume delle materie prime medicinali è aumentato. L'algoritmo ha questo aspetto:

  • 50 g di radice schiacciata vengono versati con 500 ml di vodka;
  • scuotere la nave chiusa e trasferirla in un luogo buio per 14 giorni;
  • dopo un po 'di tempo, filtrare attraverso una garza piegata.

La tintura finita viene utilizzata per strofinare la pelle con sciatica, reumatismi, distorsioni e contusioni. Aiuta anche a rimuovere pidocchi e acari della scabbia. È vietato portare dentro l'agente, ha una concentrazione troppo alta.

Attenzione! È possibile utilizzare la tintura di aconito per lo sfregamento solo in assenza di temperatura elevata.

Decotto per foruncolosi

Per ascessi, foruncoli e ascessi, viene preparato un decotto acquoso dei tuberi di aconito di Dzhungarian. La ricetta si presenta così:

  • 10 g di materie prime frantumate vengono versate in 1 litro di acqua calda;
  • portare ad ebollizione;
  • far bollire a fuoco medio per 20 minuti;
  • raffreddare e filtrare il prodotto.

Foruncoli e ascessi vengono strofinati con un brodo pronto. L'aconito ha spiccate proprietà antinfiammatorie e aiuta ad accelerare la guarigione dell'epidermide.

Un decotto di radici di aconito viene utilizzato per ematomi, distorsioni e persino fratture

Applicazione della tintura di aconito dzungarico

La tintura alcolica di aconito viene utilizzata per malattie gravi. Allo stesso tempo, è importante seguire algoritmi collaudati e non violare i dosaggi proposti.

Come prendere l'aconito dzungariano per l'oncologia

L'aconito può essere utile per il cancro. Nelle prime fasi e nella fase del trattamento attivo, non è consentito utilizzarlo. Ma nelle ultime fasi del cancro, è consigliato abbastanza spesso. Le recensioni sull'uso della tintura di aconito dzungariano confermano che in alcuni casi la preparazione a base di erbe prolunga significativamente la vita dei pazienti. Inoltre, c'è un forte effetto analgesico, che consente di ridurre il consumo dei farmaci corrispondenti.

Per scopi medicinali, viene preparato un tale rimedio:

  • il tubero secco della pianta viene schiacciato in una quantità di 5 g;
  • versare le materie prime con 500 ml di vodka;
  • per due settimane, rimuovere il prodotto in un luogo buio per l'infusione;
  • quando è pronto, filtrare il sedimento attraverso un setaccio o una garza piegata.

È necessario utilizzare la tintura tre volte al giorno, una sola goccia, precedentemente diluita in una piccola quantità d'acqua. Ogni giorno, il dosaggio viene aumentato di un'altra goccia, fino a quando il volume singolo è di dieci gocce.

Successivamente, l'importo indicato viene prelevato per dieci giorni consecutivi. Quindi anche il dosaggio inizia ad essere gradualmente ridotto e la terapia termina quando il volume singolo è di nuovo una goccia. Alla fine del corso, è necessario fare una pausa per 1-5 mesi.

Attenzione! L'uso della tintura di aconito dzungariano deve essere coordinato con il medico curante. Anche con un leggero peggioramento del benessere, la terapia viene interrotta.

Nel trattamento di foruncoli e ferite purulente

L'aconito dzungariano allevia l'infiammazione, ha un marcato effetto battericida e contribuisce al recupero precoce della pelle. Per foruncoli e ferite purulente viene utilizzato un decotto della pianta. La ricetta si presenta così:

  • i tuberi secchi di aconito vengono tritati con un coltello affilato o una grattugia;
  • 5 g di materie prime vengono versate con 500 ml di acqua calda;
  • far bollire sul fornello dopo aver fatto bollire per 20 minuti;
  • raffreddare il prodotto e filtrare su una garza.

Un batuffolo di cotone viene immerso nella soluzione calda pronta e le aree interessate vengono pulite. Immediatamente dopo aver usato un decotto di aconito dzungariano, lavarsi accuratamente le mani.

Si sconsiglia di trattare la pelle del viso e del collo con tinture e decotti di aconito

Per dolore e contusioni

L'aconito dzungariano ha spiccate proprietà analgesiche e ha un buon effetto su contusioni, disturbi articolari, nevralgie ed emicranie. Per il trattamento, preparare la seguente tintura:

  • 10 g di tuberi di piante secche vengono frantumati in uno stato in polvere;
  • versare materie prime con 500 ml di vodka o alcool diluito;
  • insistere in un luogo buio per una settimana.

Dopo che il farmaco acquisisce una ricca tonalità marrone, dovrà essere filtrato attraverso una garza. Usa tintura di aconito dzungariano per impacchi per reumatismi e radicolite e per sfregare con nevralgie ed emicranie. In tutti i casi, l'agente viene applicato sulle aree malate in una quantità minima di non più di 30 gocce e dopo 40-60 minuti la pelle viene lavata con acqua tiepida.

Importante! Esternamente, si consiglia di applicare la tintura di aconito non più di una volta al giorno.

Effetti collaterali dell'aconito dzungariano

Ufficialmente, il dosaggio letale dell'aconito dzungariano è di 1 g di radice fresca schiacciata. Nei decotti e nelle tinture a base della pianta, la concentrazione di sostanze pericolose è molto più bassa. Tuttavia, se i dosaggi non vengono osservati, gli agenti medicinali possono ancora causare avvelenamento grave.

I sintomi dell'intossicazione da aconito sono:

  • grave bruciore delle mucose della bocca e gonfiore della lingua;
  • aumento della salivazione, sudorazione e aumento della minzione;
  • pupille dilatate e deficit visivo;
  • mal di testa, rossore al viso e tachicardia;
  • nausea e vomito;
  • arti tremanti e crampi;
  • soffocamento e svenimento.

L'avvelenamento da aconito dzungarico si sviluppa molto rapidamente, in assenza di cure mediche e un grave eccesso di dosaggio, l'arresto cardiaco può verificarsi in meno di un'ora. Quando compaiono i primi segni caratteristici, è necessario indurre immediatamente il vomito nel paziente, quindi costringerlo a bere una grande quantità di acqua pura e svuotare nuovamente lo stomaco.

Il lavaggio a casa rimuoverà alcune delle tossine dal corpo, ma non eliminerà completamente l'avvelenamento. Un medico dovrebbe essere chiamato anche prima dell'inizio dell'assistenza.

Controindicazioni

Con tutte le sue proprietà utili, la tintura di aconito dzungariano rappresenta un grande pericolo per il corpo. È necessario abbandonare completamente il suo utilizzo:

  • durante la gravidanza;
  • durante l'allattamento;
  • con ipotensione e bradicardia;
  • con malattie croniche del fegato e dei reni;
  • con malattie infiammatorie del cuore.

È severamente vietato somministrare tintura e decotto di aconito a bambini e adolescenti fino a 18 anni. Questo vale non solo per l'interno, ma anche per l'uso esterno di farmaci, anche attraverso la pelle, la pianta ha un effetto tossico. Si sconsiglia di ricorrere al trattamento con erba velenosa tendente alle allergie, soprattutto se in precedenza si è sofferto di shock anafilattico.

L'avvelenamento da aconito dzungarico si sviluppa fino a due ore dopo un sovradosaggio

Le recensioni della tintura di aconito dzungariano notano che qualsiasi uso della pianta deve essere coordinato con il medico curante. Il farmaco può essere prodotto a casa o acquistato in farmacia, ma è vietato prescriverlo a te stesso su base non autorizzata. Solo uno specialista qualificato può valutare tutti i rischi associati all'utilizzo dell'impianto in una situazione particolare.

Conclusione

L'aconito dzungariano è una pianta molto tossica che richiede un uso attento. Nei dosaggi omeopatici, tinture e decotti a base di piante perenni hanno un effetto benefico sull'organismo e ne aumentano la resistenza anche nel cancro. Ma il superamento dei volumi consentiti minaccia di gravi conseguenze, inclusa la morte.

Recensioni del trattamento con aconito dzungariano

Fedulova Anna Grigorievna, 46 anni, Saratov

Per la prima volta ho provato la tintura di aconito per la foruncolosi grave, quando i farmaci lievi semplicemente non hanno aiutato. All'inizio avevo paura, poiché il rimedio è molto velenoso, ma non ho notato alcun deterioramento della salute. Ho trattato le aree interessate con tintura secondo le istruzioni, non più di una volta al giorno, e mi sono lavato accuratamente le mani dopo la procedura. Aconitum ha aiutato in appena un paio di settimane, la pelle è stata notevolmente schiarita. Penso che se si osservano i dosaggi, almeno nell'uso esterno, la tintura non è così pericolosa.

Ryazantseva Irina Sergeevna, 50 anni, Ufa

Ho sentito molte volte delle proprietà curative della tintura di aconito, ho persino letto storie sulla guarigione dal cancro. Se questo sia vero o no, non lo so, ma posso confermare le qualità utili del farmaco. Da dieci anni soffro di reumatismi e lo sfregamento con l'aconito mi aiuta a sbarazzarmi di forti dolori. Certo, la salute delle articolazioni non può essere ripristinata in questo modo, ma risulta che rimuove l'infiammazione acuta e ripristina la mobilità, e questo è già un ottimo effetto.


Guarda il video: Аконит. Виды, агротехника и применение (Ottobre 2021).