Suggerimenti e trucchi

Malattie delle conifere nella foto e loro trattamento


Le malattie delle conifere sono molto diverse e possono colpire i sempreverdi anche con una buona cura. Per prevenire la morte delle piantagioni, è necessario conoscere i principali sintomi dei disturbi del legno e dei metodi di trattamento.

Malattie dell'efedra e loro trattamento

Fondamentalmente, le malattie delle conifere sono di origine fungina e sono molto pericolose per le piante. I sintomi di alcuni disturbi possono essere notati immediatamente, altri compaiono solo dopo un po '. Per non perdere segnali allarmanti, il giardiniere deve conoscere la foto e la descrizione delle malattie delle conifere.

Schütte

La malattia chiamata shute esiste in diverse varietà, è consuetudine distinguere shute reale, neve e marrone. La malattia colpisce pini e abeti rossi, ginepri e abeti, nonché altre conifere. Un fungo dannoso che provoca la comparsa di qualsiasi shute si sviluppa sotto la neve a temperature superiori a 0 ° C, ei sintomi della malattia compaiono in primavera o in estate, dopo che la neve si scioglie.

I segni di shute sono la placca grigio-nera sugli aghi e punti neri microscopici sui singoli aghi. Lo shute innevato, reale e marrone è particolarmente pericoloso per i giovani pini, abeti rossi, ginepri e altre conifere. Con il progredire della malattia, gli aghi delle conifere iniziano a diventare gialli e marroni e poi cadono.

Per trattare la malattia, è necessario durante il periodo caldo elaborare le piantagioni con liquido bordolese e soluzioni fungicide, come il brodo di zolfo e calce, Abiga-Peak, HOM. Inoltre, è necessaria la potatura sanitaria dei rami colpiti e la coltivazione del suolo, la zona delle radici necessita di un trattamento obbligatorio, poiché le spore del fungo Schütte si sviluppano proprio nel terreno alle radici delle conifere.

Ruggine

La ruggine delle malattie fungine colpisce principalmente pini e larici nei cottage estivi. La malattia è caratterizzata dalla comparsa primaverile di macchie giallo-arancio sugli aghi di legno, che alla fine acquisiscono un colore marrone e iniziano a sgretolarsi.

Nelle fasi iniziali, la ruggine è curabile con fungicidi e miscela bordolese. È meglio rimuovere e bruciare i germogli della pianta fortemente colpiti. I rami sani e leggermente danneggiati di una conifera devono essere spruzzati con soluzioni medicinali per tutta la stagione - 3 volte con un intervallo di 15-20 giorni.

Pino appassito

Come suggerisce il nome, la malattia fungina colpisce principalmente i pini. La sua azione si manifesta nel fatto che i germogli laterali della pianta sono fortemente curvi e il germoglio apicale muore. Allo stesso tempo, sugli aghi compaiono gonfiori giallo-arancio situati in catene. Lo sviluppo della malattia porta al fatto che la crescita della conifera si ferma e dopo un po 'il pino può morire.

Il trattamento della malattia nelle prime fasi viene effettuato con liquido bordolese o Fundazolo, la spruzzatura viene eseguita due volte a stagione. Particolare attenzione va posta alla lavorazione dei giovani alberi; i pini che non hanno raggiunto i 10 anni di età sono spesso colpiti dal vertun.

Fusarium

La malattia delle conifere Fusarium e marciume radicale è causata dalla flora fungina patogena che si sviluppa nel terreno alle radici. Il Fusarium è pericoloso non solo per abeti rossi e pini, ma anche per larici e abeti. Esternamente, la malattia si manifesta nel fatto che gli aghi degli alberi acquisiscono una tinta rossa e si sbriciolano, e principalmente la parte centrale della corona è interessata. La decomposizione delle radici si verifica spesso nei giovani alberi.

Il trattamento della malattia consiste principalmente nel trattamento delle conifere con preparati fungicidi: liquido bordolese, fitosporina, alirina. È anche necessario controllare la qualità del terreno nell'area con conifere; Fusarium si sviluppa più spesso su terreni impregnati d'acqua con scarso drenaggio.

Alternaria

Il fungo Alternaria si sviluppa principalmente sui tronchi e sugli aghi di ginepri e tuia. Puoi riconoscerlo da macchie nerastre o grigio scuro sui germogli, queste macchie sono colonie del fungo e si diffondono gradualmente lungo gli aghi, portando alla morte della pianta. La malattia compare più spesso sulle conifere costrette a svilupparsi in condizioni di illuminazione insufficiente.

Pertanto, la migliore prevenzione della malattia di Alternaria è un'attenta scelta di un luogo per piantare tuia o ginepro. Le conifere malate devono essere trattate con liquido bordolese, rapidamente e in modo puro, l'irrorazione inizia all'inizio della primavera e viene effettuata mensilmente per tutta l'estate. I germogli di conifere colpite dalla malattia devono essere rimossi e le sezioni vengono trattate con solfato di rame per prevenire un'ulteriore diffusione del fungo.

Bacteoriasi

Un grande pericolo per le conifere è un'infezione batterica della batteriosi vascolare. Una caratteristica spiacevole della malattia è che gli aghi non cambiano colore e non sono coperti di macchie, ma semplicemente più deboli, quindi la malattia spesso non viene immediatamente notata. Tuttavia, man mano che la malattia si sviluppa, gli aghi iniziano a sgretolarsi abbondantemente dai rami al minimo tocco.

Per non perdere i sintomi della batteriosi, si consiglia di esaminare gli alberi più spesso per i danni della malattia. Ai primi sintomi, il terreno viene trattato con Fundazol, dopo altri 3 giorni - con Fitosporin e pochi giorni dopo - con Zircon. Di norma, l'uso di farmaci antisettici può salvare dalla morte le conifere malate.

Cancro alla Biotorella

La malattia di origine fungina non colpisce gli aghi, ma il legno dei sempreverdi. Quando viene infettata dal cancro della biotorella, la corteccia delle conifere diventa prima marrone, poi si ricopre di crepe e inizia a seccarsi e morire. Al posto delle aree morte della corteccia, si formano ulcere allungate e al loro posto compaiono escrescenze fungine resinose. Man mano che il fungo si sviluppa, gli aghi diventano gialli e si sbriciolano.

Per notare la malattia in tempo, è necessario ispezionare regolarmente il tronco e i germogli della pianta. Ai primi sintomi del cancro della biotorella è necessario un trattamento con liquido bordolese e fungicidi comprovati, si consiglia di ripeterlo 2-3 volte a stagione.

Cancro elettrico

Un'altra malattia delle conifere si manifesta sotto forma di numerose escrescenze microscopiche di colore rosso-arancio che compaiono sulla superficie del tronco. A poco a poco, le escrescenze diventano più scure e si seccano, la corteccia inizia a morire e gli aghi diventano gialli e cadono.

Il trattamento della malattia viene effettuato con l'aiuto di preparati contenenti rame, il terreno alle radici delle conifere deve essere accuratamente versato con fungicidi. Poiché la diffusione delle spore fungine proviene dalle radici, è necessario monitorare attentamente la pulizia del cerchio vicino al gambo e rimuovere nel tempo i ritagli di rami, gli aghi caduti e altri detriti.

Marciume grigio

Una malattia chiamata marciume grigio, o muffa, è caratterizzata dalla comparsa di una placca di ragnatela grigio cenere sugli aghi. Durante il suo sviluppo, il fungo cresce nelle radici delle conifere e porta rapidamente alla morte e alla morte dei tessuti. Soprattutto il marciume grigio è pericoloso per le giovani conifere che non hanno avuto il tempo di diventare più forti dopo aver piantato nel terreno. Molto spesso, la malattia colpisce le conifere che crescono su terreni impregnati d'acqua con mancanza di luce solare.

Per il trattamento del marciume grigio, è necessario rimuovere tutte le parti interessate dell'efedra, quindi trattare i tronchi e gli aghi con liquido bordolese e soluzione di Ferbam - due volte con un intervallo di 12 giorni. Per prevenire le malattie, è necessario monitorare il livello di umidità del suolo e nutrire tempestivamente le conifere con potassio e fosforo.

Rami che si restringono

La malattia colpisce principalmente ginepri, tuia e giovani pini, ei sintomi si manifestano con l'essiccazione della corteccia sul tronco dell'albero e la comparsa di escrescenze brune e nere su di esso. Gli aghi delle piante acquisiscono una tinta gialla e si sbriciolano, i germogli iniziano ad asciugarsi e piegarsi.

Il trattamento della malattia viene effettuato spruzzando le conifere con preparati fungicidi e liquido bordolese. Poiché il più delle volte l'essiccazione dei rami si sviluppa su conifere che crescono troppo densamente e non ricevono abbastanza luce solare, se necessario, le piante possono essere trapiantate l'una dall'altra.

Necrosi

La malattia fungina colpisce principalmente le giovani conifere che non hanno raggiunto i 10-15 anni. Il sintomo principale della malattia è l'arrossamento degli aghi, mentre gli aghi non iniziano a sgretolarsi immediatamente. Anche la corteccia delle conifere diventa rossastra e nelle sue fessure si formano escrescenze nere microscopiche.

Con un livello moderato di necrosi, le conifere malate possono essere trattate con liquido bordolese e preparati con un alto contenuto di rame.

Attenzione! Se la pianta è gravemente colpita da necrosi, è più saggio rimuoverla, bruciare i residui e trattare a fondo il terreno con fungicidi, in questo caso è necessario concentrarsi sulla prevenzione dell'infezione degli alberi vicini.

Mangiato cancro ulceroso

Il fungo, interessando principalmente alberi di abete rosso, si manifesta sotto forma di abbondante resinificazione sui germogli della pianta. Nel tempo compaiono zone morte sui luoghi appannati, poi la corteccia si ricopre di crepe e sul tronco si formano numerose ulcere, secche o umide, ricoperte da sottili peli castani.

Quando compaiono i sintomi del cancro ulcerativo, i germogli di abete rosso colpiti devono essere rimossi e bruciati. Il terreno sotto le radici della pianta viene versato con fungicidi e la corona viene trattata con preparati contenenti rame. Con il cancro ulcerativo avanzato, l'abete rosso spesso muore, quindi le piantagioni dovrebbero essere ispezionate regolarmente per l'infezione.

Parassiti e controllo delle conifere

Le malattie fungine e infettive non sono gli unici nemici delle conifere. Gli insetti non sono meno pericolosi per gli alberi e, per combatterli con successo, è necessario conoscere i parassiti delle conifere nella foto e il loro trattamento.

Ermete

Un piccolo insetto chiamato hermes è uno dei parassiti più comuni e pericolosi. L'insetto si deposita sui germogli di pini, ginepri, abeti e qualsiasi altra conifera in intere colonie, depone le uova e si nutre della linfa degli alberi. Le larve di Hermes danneggiano i giovani germogli delle conifere e nel tempo la pianta muore. È possibile sospettare la presenza di Hermes dall'ingiallimento degli aghi e dal rallentamento della crescita degli alberi; a un esame più attento, sugli aghi si troveranno insetti microscopici, come ricoperti di lanugine, e le larve di Hermes.

La lotta contro il parassita consiste nell'irrorare le conifere con insetticidi: Aktara e Komandor. È necessario spruzzare più volte a stagione, poiché l'invasione di Hermes sulle conifere può avvenire alla fine di giugno, ad agosto e anche a settembre.

Scarabeo di corteccia

Un pericoloso parassita delle conifere è uno scarabeo della corteccia che si nutre del legno della pianta. Una caratteristica spiacevole dell'insetto è che lo scarabeo della corteccia è abbastanza difficile da notare, vive e si riproduce sotto la corteccia. Solo la segatura che è apparsa improvvisamente sotto il tronco dell'efedra può segnalare il suo insediamento iniziale, ma questo sintomo può essere facilmente trascurato. Nelle fasi successive, è spesso possibile riconoscere la presenza di un parassita solo quando l'efedra inizia a perdere vitalità e ingiallisce.

Il controllo terapeutico e preventivo dello scarafaggio della corteccia consiste nel trattare le conifere con insetticidi: la spruzzatura è meglio fare ogni anno per prevenire la comparsa del parassita. Inoltre, una speciale trappola a feromoni può essere appesa a conifere fortemente colpite, attirerà la maggior parte della popolazione di coleotteri e quindi i parassiti possono essere distrutti insieme alle conifere morenti.

Acaro di ragno

Gli acari microscopici sono pericolosi per le conifere, poiché si nutrono dei loro succhi e, inoltre, si moltiplicano molto rapidamente. Durante la stagione, la zecca è in grado di cedere fino a 8 colonie; in assenza di resistenza, il parassita può distruggere rapidamente un pino, un abete rosso o un ginepro.

Tuttavia, è abbastanza facile trattare con gli acari del ragno. Prima di tutto, non è difficile notarlo sui rami della pianta, il parassita impiglia i germogli dell'efedra con la ragnatela bianca più sottile. Le misure di controllo riducono la malattia all'irrorazione regolare di conifere con soluzioni acaricide - Aktellik, Agravertin e altri. La spruzzatura è necessaria ogni 15-20 giorni.

Consigli! L'acaro del ragno infetta più spesso le conifere con tempo secco e caldo. Se si mantiene un'umidità moderata e si spruzzano regolarmente le piantagioni, in linea di principio è possibile prevenire la comparsa di parassiti e malattie.

Scudo

I foderi sono insetti che colpiscono principalmente ginepri, tuia e tassi. Il parassita sembra un piccolo insetto con uno scudo carapace marrone lucido, colpisce principalmente i germogli più vicini al centro della corona. Sotto l'influenza del fodero, gli aghi acquisiscono rapidamente un colore marrone e si sbriciolano e, inoltre, il fodero provoca la curvatura e l'essiccazione dei germogli.

La lotta contro il fodero viene condotta con i farmaci Admiral, Actellik e Fury. Poiché le cocciniglie femmine depongono le larve più volte a stagione, è necessario spruzzare 2-3 volte durante l'estate, facendo una pausa per 1-2 settimane.

Sawfly

Le mosche seghe, insetti nocivi, preferiscono stabilirsi su pini e abeti rossi. Il pericolo principale non sono gli insetti adulti, ma numerose larve che si nutrono di aghi e giovani germogli. Sotto l'influenza del parassita, l'efedra può perdere completamente i suoi aghi.

Puoi riconoscere la sega dall'ingiallimento e dallo spargimento degli aghi, dopo un attento esame in maggio e giugno, si troveranno larve giallo pallido sui germogli. Puoi sbarazzarti del parassita con l'aiuto di agenti insetticidi - Actellik, Decis e Fury, è necessario elaborare le conifere dalla malattia dall'inizio di maggio e per tutta l'estate con interruzioni.

Baco da seta di pino

L'insetto farfalla colpisce principalmente i pini, ma può abitare anche altre conifere. Il pericolo per gli alberi non è il baco da seta in sé, ma le sue larve, lunghi bruchi di colore grigio-brunastro. Le larve del baco da seta del pino compaiono a metà marzo e si nutrono dei succhi della conifera, danneggiandola fino alla fine di giugno. Sotto l'influenza delle larve della sega, l'efedra perde una parte significativa degli aghi e talvolta le colonie del parassita iniziano a mangiare anche la corteccia.

Puoi sbarazzarti delle conifere dalla sega con l'aiuto di agenti insetticidi. È necessario effettuare la lavorazione dall'inizio della primavera alla fine di giugno. Inoltre, non farà male spruzzare le conifere alla fine di agosto, quando le farfalle degli insetti adulti iniziano a deporre le uova in massa per il prossimo anno.

Afide

Un pericoloso parassita per le conifere, e soprattutto per gli abeti rossi, è l'afide comune. L'insetto è di taglia scarsa e raramente supera i 2 mm di lunghezza, il colore dell'afide si fonde con la corteccia e gli aghi, quindi è piuttosto difficile notarlo. Tuttavia, la presenza del parassita è segnalata dall'ingiallimento e dalla caduta degli aghi di efedra, soprattutto se ciò si verifica a maggio e all'inizio di giugno.

Per assicurarti che ci siano afidi, puoi sostituire un foglio di carta bianca sotto il ramo dell'efedra e scuotere il germoglio. Se ci sono afidi sul ramo, cadranno sulla carta. Lo sterminio di un insetto dannoso viene effettuato con insetticidi, la spruzzatura viene ripetuta più volte a intervalli di 1-2 settimane, fino a quando l'afide scompare completamente.

Insetto di pino

Il parassita è un piccolo insetto con un guscio rossastro o giallo, non superiore a 3-5 mm di lunghezza. L'insetto del pino vive sulla corteccia e, a causa del colore, è abbastanza difficile vederlo. Le larve di insetti vanno in letargo alle radici sotto un riparo di aghi caduti e detriti vegetali, e in primavera escono e si nutrono di succhi vegetali. Sotto l'influenza dell'insetto, l'efedra inizia a ingiallire e perde vitalità, gli aghi si indeboliscono e cadono.

La lotta contro la cimice del pino viene effettuata utilizzando insetticidi convenzionali: Aktellik, Aktara e altri. È meglio iniziare a spruzzare con l'inizio del calore, nel momento in cui le larve del parassita stanno appena iniziando a svegliarsi.

Azioni preventive

Prevenire le malattie e i parassiti dell'efedra è molto più facile e conveniente che curarli. Le malattie possono colpire qualsiasi conifera, ma con una buona cura i disturbi si verificano molto meno spesso.

  • Per evitare la comparsa di malattie e infezioni, è necessario avvicinarsi con attenzione alla scelta di un sito per conifere, il luogo deve essere ben illuminato, con drenaggio del suolo, senza ristagni e acque sotterranee che passano vicino al terreno.
  • Si consiglia di piantare le conifere a una distanza decente l'una dall'altra in modo che possano crescere tranquillamente senza ombreggiare i vicini. Altrimenti, anche in una zona soleggiata, le singole piante mancheranno di luce.
  • Una volta all'anno per la semina, è necessario eseguire la potatura sanitaria - rimuovere tutti i germogli secchi, rotti e malati. Un albero sano e ben curato è meno suscettibile agli attacchi di malattie e parassiti e può resistere più a lungo ai loro effetti.
  • L'uso di agenti fungicidi e insetticidi è raccomandato non solo per il trattamento, ma anche a scopo profilattico. Poiché la maggior parte delle malattie fungine e dei parassiti si sveglia immediatamente dopo che la neve si scioglie, le conifere dovrebbero essere spruzzate all'inizio della primavera, prima che si stabilisca un clima caldo stabile.

Importante! Il terreno non pulito sotto i tronchi delle conifere con i resti degli aghi dell'anno scorso è un terreno fertile ideale per funghi e insetti. Per proteggere l'albero dalle malattie, il terreno sottostante deve essere pulito regolarmente e tutta la spazzatura raccolta deve essere bruciata.

Conclusione

Le malattie delle conifere sono decine e possono portare rapidamente all'indebolimento e alla morte degli alberi. Ma con un'attenta osservazione della semina della maggior parte dei disturbi, puoi semplicemente evitare o curare le piante colpite con agenti insetticidi e fungicidi.


Guarda il video: - I Parassiti (Settembre 2021).